Ultima modifica: 4 aprile 2012
I.C.C. di Borghetto Lodigiano > La scuola > Scuola dell’Infanzia

Scuola dell’Infanzia

Scelte culturali, formative, metodologiche e organizzative

La scuola dell'infanzia si propone come significativo luogo di apprendimento, socializzazione e animazione. Una funzione fondamentale di questa scuola è quella di contribuire al rafforzamento dei processi di costruzione dell'identità, per favorire la promozione dell'autonomia intellettuale e dell'equilibrio affettivo, per sviluppare l'intelligenza creativa e il pensiero scientifico. Le attività vengono scelte con modalità diverse, allo scopo di rendere più efficace il progetto educativo, anche in relazione ai diversi ritmi, tempi e stili di apprendimento, alle motivazioni e agli interessi dei bambini: - attività di laboratori e di sezioni aperte; - attività di gruppo in sezione; - attività di piccolo gruppo; - attività per gruppi di età omogenea. I momenti di intersezione con gruppi omogenei permettono al bambino di raggiungere gli obiettivi prefissati, attraverso percorsi didattici opportunamente predisposti per le diverse età e di approfondire tutti i campi d'esperienza. Durante tali momenti vengono sviluppate le seguenti attività: - creative e manipolative; - musicali e teatrali; - attività motoria; - pittura. Nei laboratori e nelle attività di sezione e di intersezione, l'apprendimento è basato sulla ricerca e sul fare, rappresentare e rielaborare. I bambini possono toccare, manipolare, costruire, inventare e drammatizzare. L'offerta formativa prevede progetti per le seguenti attività: - musica; - educazione motoria; - inglese; - educazione alimentare; - educazione all'ambiente; - espressività e arte; - teatrale; - educazone stradale - educazione interculturale Sono, inoltre, previste uscite programmate per la scoperta e la conoscenza dell'ambiente in cui si vive. Nei laboratori si utilizzano materiali di recupero strutturati e non.  

Soluzioni organizzative e operative

Nelle scuole dell'infanzia del Istituto Comprensivo l'orario settimanale delle attività didattiche è di quaranta ore suddiviso su cinque giorni.   La scuola dell'infanzia di Borghetto Lodigiano effettua il seguente orario: - ingresso: 8.00 / 9.30 - uscita: 15.30/16.00 La scuola dell'infanzia di Villanova del Sillaro/Bargano effettua il seguente orario: - ingresso: 8.00 / 9.00 - uscita: 15.30 / 16.00   L'orario settimanale di ogni singolo docente è, come da contratto, pari a 25 ore settimanali di insegnamento frontale.   In tutte le scuole dell'infanzia le insegnanti ruotano su turni settimanali e gli orari vengono gestiti in modo da garantire la massima compresenza possibile per un migliore svolgimento della attività didattiche.   I bambini possono in questo modo essere suddivisi in piccoli gruppi omogenei per età, per capacità o per attività di ricerca ed è possibile garantire interventi individualizzati.   Orario tipo: - dalle 8.00 / 8.30 alle 12.30 / 13.00 turno antimeridiano - dalle 10.00/10.30 alle 16.00/16.30 turno pomeridiano Ogni plesso nel rispetto della flessibilità organizzativa e didattica adotta l'orario più idoneo.  

Scelte didattiche

Le attività didattiche delle scuole dell'infanzia del Circolo sono svolte sulla base degli Orientamenti del 1991 e delle Indicazioni nazionali per i piani personalizzati e sono organizzate in "quattro campi di esperienza": - corpo, movimento e salute; - esplorare, conoscere, progettare; - fruizione e produzione dei messaggi; - il sé e l'altro.   Le finalità indicate negli Orientamenti e lo sviluppo dei campi di esperienza, richiedono la predisposizione di ambiente scolastico accogliente e motivante e un'organizzazione didattica ricca di relazioni e di apprendimenti che favoriscono una pratica basata sulla articolazione delle attività, sia strutturate che libere, differenziate, progressive e mediate.   In particolare la metodologia della scuola dell'infanzia riconosce come suoi connotati essenziali: a. la valorizzazione del gioco b. l'esplorazione e la ricerca c. la vita di relazione d. la mediazione didattica e. l'osservazione, la progettazione e la verifica f. la documentazione.   Un'organizzazione per l'educazione Le finalità pedagogiche della scuola dell'infanzia si riflettono sul suo modello organizzativo, da intendersi come una sorta di curricolo implicito che influenza il comportamento degli operatori della scuola ed il significato che essi attribuiscono alla loro attività e che si ripercuote, in tal modo sulla qualità stessa dell'esperienza dei bambini. Occorre pertanto porre una attenzione particolare a: a. L'organizzazione della sezione/ gruppo. b. Le attività ricorrenti di vita quotidiana c. La strutturazione degli spazi d. La scansione dei tempi   Strutture di professionalità Il lavoro dell'insegnante nella scuola dell'infanzia si esplica nell'impegno personale e nella collegialità ai diversi livelli: della sezione, dell'intersezione, della scuola, del Circolo. Nel rispetto della libertà di insegnamento, l'organizzazione del lavoro si fonda sulla modularità degli interventi, sulla individuazione di ambiti di competenza e sulla corresponsabilità educativa degli operatori. In particolare deve essere garantita una finalizzazione unitaria e coordinata del progetto educativo, attraverso la piena partecipazione di tutti gli insegnanti ai diversi momenti della programmazione, della gestione dell'attività e della valutazione. In questo modo può essere effettuata una adeguata distribuzione dei compiti, considerando anche la specificità di determinati interventi e dando spazio alla più ampia valorizzazione delle risorse umane e professionali disponibili in ciascuna unità scolastica.   Insegnamento della Religione Cattolica ed attività alternative Le attività di insegnamento della Religione Cattolica vengono svolte una volta alla settimana un'ora e mezza per sezione. I bambini che non seguono tale insegnamento, svolgono attività alternative secondo una programmazione presentata al Collegio dei Docenti.  

Attività e progetti

Vedi singoli plessi e la pagina Progetti.



Link vai su